Loading...

L’ANTICO PALAZZO DI LUCE

€270,000

Descrizione

Casciana Alta – Palazzo in vendita con vista sulla colline toscane per complessivi mq 250 circa composto da 12 vani , possibilita di dividere in piu unita’, l immobile si compone di ingresso a piano terra con 2 locali di sgobero, al piano primo cucina, sala 2 camere bagno al piano 2 4 camere con bagno, dal piano terra una scala porta alla taverna seminterrata e al giardino esclusivo dove c e la possibilita di fare una piscina, classe energetica: In attesa di certificazione

Casciana Alta fa parte del comune di Casciana Terme Lari e si trova a 3 km dal centro termale di Casciana Terme .

il centro termale di Casciana, circondato da un grande parco con alberi secolari, e composto da diversi edifici, fra cui lo stabilimento vero e proprio, il centro benessere e due piscine termali, una coperta e una all’aperto, si propone come uno dei siti termali più interessanti della Toscana, grazie ad acque che sono un autentico prodigio della natura. Le acque che qui sgorgano a 35,7°, appartenenti alla famiglia delle bicarbonato solfato calciche, da sempre sono impiegate per le artrosi, i reumatismi e la sciatica, ma più di recente hanno trovato impiego anche nelle terapie di riabilitazione motoria, nelle cure vascolari e anche in quelle inalatorie, mostrandosi efficace nella cura di sinusiti, rinosinusiti, faringiti, laringiti, tracheiti. Il fango terapeutico, riscaldato a 45° dopo essere stato immerso a lungo nell’acqua termale e averne acquisito i contenuti salini, risulta particolarmente efficace nel migliorare la circolazione degli arti inferiori, specie se l’applicazione è seguita da un bagno in vasca termale romana con idromassaggio a 36° e massaggio manuale da parte di un operatore. L’acqua di Casciana si può anche bere: un bicchiere aiuta l’attività dell’apparato gastroenterico, migliorando la digestione. E oltre alle cure termali e al centro di riabilitazione motoria, le une e l’altro convenzionati con il Servizio sanitario nazionale, Casciana Terme oggi si adegua ai tempi proponendo anche trattamenti olistici nel centro benessere e la Spa di Villa Borri, prestigiosa struttura in una villa padronale del Settecento.

Il Borgo di Lari invece si trova a soli 5,5 km,

In passato Lari è stato un importante centro politico, amministrativo e agricolo, di fatto svolgendo la funzione per secoli di “capoluogo della Colline Pisane“.

Nell’antichità è importante località sulla strada tra Pisa e Volterra, città etrusca a cui Lari rimane legata fino alla tarda antichità. L’origine del nome “Lari” è stata ricondotta al termine etrusco-romano «lar», Lare, divinità protettrice delle vie di comunicazione campestri, e al nome di persona etrusco «Lars» (cfr. Lars Porsenna). Vari ritrovamenti effettuati nel territorio larigiano confermano una origine etrusca ed un’intensa attività in epoca romana (necropoli etrusca di S. Ruffino dell’VIII-VII secolo a.C., cippo sepolcrale etrusco di marmo -oggi al Castello dei Vicari)- del III-II secolo a.C., tomba etrusca di Casciana Alta, statua romana del I secolo a.C. del Castello dei Vicari). Castello dei Vicari
Il Castello dei Vicari di Lari, oltre ad un passato di nodo centrale per i poteri toscani, ha un presente che va aumentando il suo rilievo nella vita del paese circostante. Nel 1991 si è iniziato a rivalorizzarlo come edificio storico, aprendolo alle visite da parte del pubblico (che è andato via via aumentando, dimostrando di apprezzare ciò che visita) grazie ai volontari dell’Associazione Culturale “Il Castello” sostenuti dall’Amministrazione Comunale.
Dopo pochi anni sono iniziati i primi restauri per restituirgli parte dell’antica bellezza. Il Castello mantiene pressoché invariata l’architettura conferitagli dalla sua antica funzione di centro di potere, ergendosi sulla sommità della collina di Lari, da dove è possibile controllare a vista tutto il valdarno, motivo che lo ha reso importante e conteso nei secoli. All’interno vi era un carcere, una Cancelleria, l’abitazione del Vicario ed il Tribunale.
Quest’ultimo, rimasto attivo fino al 1962, è adesso principalmente utilizzato per conferenze e matrimoni a rito civile, incontrando il gradimento degli sposi e dei relatori.
Sia per sposarsi che per tenere conferenze o presentazioni, è anche disponibile il cortile d’ingresso al castello, incorniciato da 92 stemmi (recentemente restaurati) lasciati dai numerosi Vicari che hanno abitato il Castello per oltre quattro secoli.
Di frequente la rocca ospita nelle sue sale mostre di vario genere, dalla pittura alla poesia e perfino esposizioni di reperti bellici.
Nel cortile e nel camminamento si svolge poi la “Magica Storia”, rievocazione di battaglie cavalleresche interpretate da bambini.
Maggiori informazioni per la visita del castello:
www.castellodilari.it

 

Condividi